Gengivite nei bambini: evidenziare e curare sanguinamento e dolore

La gengivite nei bambini è una problematica fastidiosa e frequente (soprattutto in forma cronica, con una prevalenza del 70-80%) che necessita della giusta attenzione per essere curata nel migliore dei modi.

Sintomi dell’infiammazione gengivale nei bambini

E’ facile notarne i primi segni: le gengive appaiono più rosse e gonfie. La sintomatologia non è comunque molto diversa rispetto a quella degli adulti. I vostri figli potrebbero infatti presentare:

  • sanguinamento delle gengive,DD_dal dentista_sanguinamento dolore gengivite nei bambini 1
  • gonfiore e irritazione,
  • recessione gengivale (le gengive si “ritirano” dai denti lasciandoli maggiormente scoperti),
  • alito maleodorante,
  • piccole escrescenze.

Cause della gengivite nei bambini

Una scorretta o scarsa igiene orale quotidiana è sicuramente una delle cause più frequenti: essendo i bambini ancora privi di una buona manualità e spesso non coscienti dell’importanza di lavare bene i denti, devono essere i genitori ad accertarsi dopo ogni pasto che i propri figli eseguano tale pratica nel migliore dei modi, intervenendo se necessario per aiutarli a completare una perfetta igiene. In caso contrario, la placca potrebbe accumularsi, favorendo le sviluppo di batteri orali.

La placca può però formarsi anche in seguito a malocclusioni e affollamento dentario, che favoriscono l’accumulo di residui di cibo e rendono le manovre di igiene orale più difficili da eseguire.

Altro fattore predisponente è la respirazione orale: il continuo flusso d’aria può causare a lungo andare secchezza e infiammazione del tessuto gengivale, aggravate dal ridotto flusso salivare (problemi che si accentuano nelle ore notturne).

La proliferazione batterica può essere inoltre facilitata da carenze di vitamina C e B e dall’assunzione di alcuni farmaci (ad esempio i calcio-antagonisti, la terapia antiepilettica e quella immunosoppressiva con ciclosporine).

DD_dal dentista_sanguinamento dolore gengivite nei bambiniNon vanno sottovalutate nemmeno le infezioni di origine virale (come gengivostomatite erpetica e gengivite associata ad HIV) e le patologie sistemiche come il diabete di tipo I, le malattie ematiche come la leucemia e l’emofilia, le malattie neuromuscolari e i quadri sindromici come la  sindrome di Down.

In fine, anche l’ereditarietà può influire sul presentarsi di infiammazioni gengivali.

Cure per la gengivite nei bambini

Per curare la gengivite è fondamentale, oltre ad assicurarsi che il vostro bambino esegua la miglior igiene orale quotidiana possibile, recarsi da un dentista di fiducia per eseguire un’igiene alla poltrona e far fare una valutazione attenta professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − sei =